Loading

Cifre sull’Alzheimer

Alzheimer Svizzera è il centro di competenza svizzero a sostegno di coloro che devono confrontarsi col problema della demenza. Negli ultimi dieci anni l’associazione ha raccolto cifre e fatti rilevanti sulle malattie da demenza e ha elaborato o commissionato numerose pubblicazioni scientifiche in proposito. Qui trovate le informazioni più importanti su questi aspetti.

 

L’Alzheimer in Svizzera: nel 2017 nel nostro Paese si contavano 148'000 persone affette da una forma di demenza

 

Si stima che il 9 per cento degli over 65 e più del 40 per cento degli ultranovantenni siano affetti dall’Alzheimer o da un’altra forma di demenza. L’andamento dello sviluppo demografico ci fa prevedere che in Svizzera già nel 2040 300 000 persone saranno affette da demenza a meno che nel frattempo non si compiano reali progressi nel campo della prevenzione o della cura (cosa che attualmente non è dato prevedere).

Già oggi la demenza è la prima ragione per cui gli anziani necessitano di cure e le malattie da demenza sono la terza causa di morte in Svizzera dopo le malattie cardiocircolatorie e il cancro (Ufficio federale di statistica, dati relativi al 2009).

 

I costi della demenza in Svizzera: 7 miliardi di franchi circa

Nel 2007 i costi economici complessivi causati dall’Alzheimer sono ammontati a 6,3 miliardi di franchi, stando ai calcoli eseguiti dall’istituto Ecoplan per conto dell’Associazione Alzheimer Svizzera. Le cifre aggiornate al 2009 mostrano che nel giro di due anni i costi legati alle malattie da demenza sono saliti a 6,94 miliardi di franchi. Questo aumento è dovuto per quasi la metà all’incremento del numero delle persone affette da demenza e per il resto a un aumento generale dei costi nel sistema sanitario.

 

Finora le spese per le cure mediche in favore delle persone affette da forme di demenza sono state modeste. Il maggior costo, infatti, è imputabile all’assistenza. I costi diretti – ovvero quelli a carico degli interessati, della società e di coloro che pagano i premi – sono dovuti per l’48% (3,3 miliardi di franchi) all’assistenza nelle case di cura. In generale, assistere le persone affette da demenza a casa costa meno che assisterle in istituto perché naturalmente le prestazioni di familiari e conoscenti vengono fornite a titolo gratuito. Se non si farà nulla, però, nei prossimi anni l’economica assistenza domiciliare fornita dai familiari subirà una decisa battuta d’arresto con conseguente esplosione della spesa sanitaria.

 

Stando all’andamento demografico, il numero delle persone affette da demenza continuerà ad aumentare.