Loading

L'Associazione Alzheimer Svizzera, sezione Ticino

Nel 1992, su iniziativa del dr. Franco Tanzi e di altre persone interessate alla malattia d'Alzheimer, viene costituita l'Associazione Alzheimer Ticino, sezione dell'Associazione Alzheimer Svizzera.

La sezione Ticino ha la sua prima sede in Viale dei Faggi a Lugano ed è formata da un comitato di persone che, per puro volontariato, prestano le loro conoscenze, capacità e tempo ai fini preposti dall'Associazione. La composizione del comitato è diversificata:
parenti di malati, personale di cura, medici, rappresentanti di enti sociali. Sono anni in cui si parla ancora poco della malattia e chi viene coinvolto in una diagnosi di un proprio parente non sa come comportarsi; i medici stessi non hanno ancora approfondito la tematica e la malattia non è cosi facilmente diagnosticabile.

L'aumento della vita media e il tipo di società che viene man mano delineandosi (i ruoli nella famiglia cambiano e la donna, un tempo dedita soprattutto ai doveri domestici e alla cura degli anziani, è spesso impegnata in lavori esterni alla casa) rendono particolarmente difficile la gestione di persone malatge, affette da forme di demenza.

In mancanza di strutture adeguate, le persone colpite da Alzheimer o da un'altra forma di demenza erano collocate nei reparti dell'ospedale psichiatrico di Mendrisio; ciò però non rappresentava la soluzione ottimale, né per i malati né tantomeno per i loro familiari. Le sfide che quindi si sono presentate alla neonata Associazione sono state molte e diversificate. Prima di tutto informare, sensibilizzare, far conoscere e poi ancora sostenere, aiutare, trovare delle modalità di intervento pratiche e utili.

Nel corso degli anni, con il costante apporto dei suoi membri,, il profilo dell'Associazione si è delineato più nettamente e attualmente, nella nuova sede di Via Vanoni 8/10 a Lugano, le attivitàdella stessa si sono moltiplicate.

 

Obiettivi dell'Associazione

 

  • aiutare, sostenere, consigliare e accompagnare le persone colpite direttamente o indirettamente dalla malattia di Alzheimer o da altra forma di demenza
  • promuovere l'adozione di metodi efficaci di cura e di sostegno
  • difendere gli interessi dei pazienti di fronte alla collettività
  • informare i propri membri, gli operatori medici e sociali, le autorità politiche e il pubblico